Hydrogel di matrice extracellulare (ECM) di rene umano come piattaforma tridimensionale (3D) per modelli bioingegnerizzati di fibrosi renale.

Anno
2019
Proponente Domenico Bagordo - Dottorando
Sottosettore ERC del proponente del progetto
LS3_4
Componenti gruppo di ricerca
Componente Categoria
Sandro Mazzaferro Tutor di riferimento
Abstract

La malattia renale cronica (cronic kidney disease, CKD), caratterizzata da fibrosi progressiva e declino della funzione renale nel tempo, causa migliaia di morti premature ogni anno e riduce la qualità di vita. Nello stadio terminale (end-stage renal disease) richiede terapie salvavita come la dialisi e/o il trapianto di rene. La fibrosi tubulo-interstiziale è il risultato finale della maggior parte delle patologie renali e, al momento, non esistono farmaci anti-fibrotici efficaci che migliorino la prognosi della CKD.
Il trapianto renale è la terapia ideale ma vi è scarsità di organi disponibili e, nonostante i progressi tecnico-terapeutici, la sopravvivenza a lungo termine dei trapianti è rimasta in pratica invariata negli ultimi decenni. I pazienti trapiantati, poi, hanno la necessità di assumere cronicamente farmaci immunosoppressori che aumentano il rischio di comorbidità a lungo termine (infezioni, neoplasie).
Il progetto dei laboratori dell¿Institute for Liver and Digestive Health, UCL presso il Royal Free Hospital di Londra, al quale il proponente andrà a prendere parte, è quello di sviluppare un sistema colturale 3D mediante un organoide renale umano con lo scopo di utilizzarlo come piattaforma per lo studio dell¿effetto dei farmaci sulla modulazione delle interazioni cellulari eterotipiche e la patogenesi della fibrosi nella CKD. Gli organoidi renali saranno sviluppati utilizzando cellule renali umane adulte combinate con hydrogels derivati dalla matrice extracellulare (ECM) di reni adulti umani decellularizzati. Attualmente per questi studi sono utilizzati hydrogels derivati da ECM di sintesi e xenogeniche che offrono supporto meccanico per le colture cellulari in vitro, ma mancano delle caratteristiche meccaniche e biochimiche organo-specifiche necessarie per promuovere le funzioni cellulari endogene. Gli organoidi renali umani potrebbero garantire un microambiente renale umano ottimale per fornire agli studi futuri maggiore traslazionabilità nell¿uomo.

ERC
LS3_4, LS3_2, LS3_1
Keywords:
NEFROLOGIA, MEDICINA RIGENERATIVA, TRAPIANTO, BIOLOGIA CELLULARE, TECNOLOGIA FARMACEUTICA

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma